27 nov 2015

Un aiuto in tavola con i kit di degustazione

La degustazione dei formaggi: quello che devi sapere per fare bella figura a tavola

Ciao ragazzi, come va? Noi abbiamo appena cambiato casa e mentre io sistemo i vestiti nel nuovo armadio, lascio la parola al mio ragazzo. Ho chiesto a lui di aiutarmi quando si tratta di parlare di formaggio. Penso che sia la persona più adatta a farlo.

In questo post verrà trattato un argomento che non viene affrontato spesso, o almeno, non sempre in maniera approfondita: la degustazione dei formaggi. Portare un carrello, un vassoio o un tagliere di formaggi in tavola non è così semplice ed immediato come potrebbe sembrare, ma si tratta di un gesto che richiede un'accurata preparazione. Ecco perciò una serie di dritte che vogliamo darvi per affrontare al meglio questa divertente "prova" gourmant (anche per chi, come me, non consuma prodotti di derivazione animale).

Quanti e quali formaggi servire
Il tagliere o il vassoio è lì e bisogna riempirlo. Con quanti formaggi? E di quale tipo? Cominciamo col dire che una porzione di formaggi equivale a circa 30 grammi. Normalmente i piatti di degustazione formaggi sono composti da 6 o 7 tipi di formaggio, per cui per ogni persona o invitato andrebbero considerati circa 180 grammi a testa. E veniamo alla domanda: quali formaggi servire? In questo caso si possono seguire diverse strade: scegliere secondo la stagionatura, secondo la tipologia o seguendo uno stesso fil rouge. Esempi: un tagliere di sei formaggi dal più fresco al più stagionato, oppure composto da formaggi a pasta dura, a pasta molle o erborinati, oppure tutti della stessa stagionatura o con diversi tipi di latte (di capra, di mucca, di pecora, di soia per i vegetariani o vegani, e così via).


L'accompagnamento: il carrello deve essere vario e colorato
I formaggi vanno sempre accompagnati in maniera impeccabile, per far risaltare i loro sapori ed il loro colore. Per questo compito saranno perfette, quindi, delle confetture, dei mieli, o delle mostarde (da servire in ciotoline diverse e separate, ognuna con il suo cucchiaino), ma anche delle composizioni di frutta e verdura. Molto importante anche il pane con cui servirete il vostro tagliere, che dovrà essere croccante e morbido, meglio se di diverse farine (integrale, ai 5 cereali, di castagne, etc.). Infine, accompagnate la pietanza con ottimi vini (generalmente bianchi per i formaggi freschi, rossi per quelli semi stagionati, passiti per quelli molto aromatici e secchi). Per saperne di più sulla degustazione di formaggi ed avere altri consigli:

8 commenti:

  1. a me capita spesso di avere amici a cena, e questo è un ottimo post per capire come e quali formaggi abbinare grazie per le informazioni

    RispondiElimina
  2. Grazie per i consigli molto utili, li seguirò con attenzione anche per creare una cena con un antipasto cosi ed essere quindi piu accurati.

    RispondiElimina
  3. Io adoro i formaggi e a casa mia non manca mai una nutrita selezione. Il grana, poi, è il preferito di mia figlia!

    RispondiElimina
  4. io ho fatto 1 anno fa una degustazione di formaggi nel modo migliore e con una specialista in questo campo..è una sensazione unica...un'esperienza sensoriale...ottimi consigli!

    RispondiElimina
  5. Per le feste :D non può mancare un kit come questo :D se lo trovo lo prenderò di sicuro :D

    RispondiElimina
  6. Mamma mia che bontà, lo voglio questo kit e non solo per natale

    RispondiElimina
  7. Ma questo blog non era vegano?
    Si sponsorizzano ditte del latte tradizionali?
    Vabbè....

    RispondiElimina

Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti. Per contattare l'autore del pezzo, così da avere una risposta rapida, si prega di utilizzare l'email info@cristinavalli.com