27 nov 2015

Un aiuto in tavola con i kit di degustazione

La degustazione dei formaggi: quello che devi sapere per fare bella figura a tavola

Ciao ragazzi, come va? Noi abbiamo appena cambiato casa e mentre io sistemo i vestiti nel nuovo armadio, lascio la parola al mio ragazzo. Ho chiesto a lui di aiutarmi quando si tratta di parlare di formaggio. Penso che sia la persona più adatta a farlo.

In questo post verrà trattato un argomento che non viene affrontato spesso, o almeno, non sempre in maniera approfondita: la degustazione dei formaggi. Portare un carrello, un vassoio o un tagliere di formaggi in tavola non è così semplice ed immediato come potrebbe sembrare, ma si tratta di un gesto che richiede un'accurata preparazione. Ecco perciò una serie di dritte che vogliamo darvi per affrontare al meglio questa divertente "prova" gourmant (anche per chi, come me, non consuma prodotti di derivazione animale).

Quanti e quali formaggi servire
Il tagliere o il vassoio è lì e bisogna riempirlo. Con quanti formaggi? E di quale tipo? Cominciamo col dire che una porzione di formaggi equivale a circa 30 grammi. Normalmente i piatti di degustazione formaggi sono composti da 6 o 7 tipi di formaggio, per cui per ogni persona o invitato andrebbero considerati circa 180 grammi a testa. E veniamo alla domanda: quali formaggi servire? In questo caso si possono seguire diverse strade: scegliere secondo la stagionatura, secondo la tipologia o seguendo uno stesso fil rouge. Esempi: un tagliere di sei formaggi dal più fresco al più stagionato, oppure composto da formaggi a pasta dura, a pasta molle o erborinati, oppure tutti della stessa stagionatura o con diversi tipi di latte (di capra, di mucca, di pecora, di soia per i vegetariani o vegani, e così via).


L'accompagnamento: il carrello deve essere vario e colorato
I formaggi vanno sempre accompagnati in maniera impeccabile, per far risaltare i loro sapori ed il loro colore. Per questo compito saranno perfette, quindi, delle confetture, dei mieli, o delle mostarde (da servire in ciotoline diverse e separate, ognuna con il suo cucchiaino), ma anche delle composizioni di frutta e verdura. Molto importante anche il pane con cui servirete il vostro tagliere, che dovrà essere croccante e morbido, meglio se di diverse farine (integrale, ai 5 cereali, di castagne, etc.). Infine, accompagnate la pietanza con ottimi vini (generalmente bianchi per i formaggi freschi, rossi per quelli semi stagionati, passiti per quelli molto aromatici e secchi). Per saperne di più sulla degustazione di formaggi ed avere altri consigli:

18 nov 2015

Croissants integrali vegan

Ciao ragazzi, come state? In questi giorni ho tantissimo tempo libero e tanta voglia di cucinare. Qualche giorno fa mi è stata chiesta la ricetta delle brioches integrali sulla mia pagina Facebook. Non avendole mai preparate in casa ho vagato sul web alla ricerca della ricetta perfetta. Appena ho visto quella del sito http://www.ilgolosomangiarsano.com/ mi sono fiondata in cucina e questo è stato il risultato:


Ingredienti per 16 croissants:
- 500 g di farina integrale
- 125 g di zucchero (integrale o di canna)
- 250 g di latte di soia alla vaniglia
- 140 g di olio di semi di mais
- 17 g di lievito di birra fresco in panetto
- aroma all'arancia o scorzette di arancia

Procedimento: 
1) Scaldare leggermente un bicchiere di latte in un pentolino
2) Aggiungere il lievito e farlo sciogliere aiutandosi con un cucchiaino
3) Versare in una ciotola ampia il restante latte, l'olio, la farina, lo zucchero, il bicchiere di latte+il lievito e l'aroma all'arancia (o le scorzette).
N.B. Assaggiate un pochino di impasto ed aggiungete più zucchero in base ai vostri gusti!
4) Impastare per 20 minuti in modo da ottenere un'impasto omogeneo, liscio e leggermente elastico
5) Infarinare la ciotola, adagiarvi l'impasto, coprirlo con un foglio di pellicola per alimenti e farlo lievitare per 3 ore (io l'ho messo sul calorifero!)


6) Dividere l'impasto in due parti uguali
7) Infarinare il mattarello e il piano da lavoro
8) Stendere l'impasto in un disco non troppo sottile
9) Ricavare dei triangoli con una base ampia
10) Chiudere i cornetti, adagiarli su una teglia ricoperta di carta forno e spennellarli con il latte di soia
11) Far lievitare nuovamente in forno con la sola luce accesa per circa 2 ore


12) Cuocere i croissant a 175° per 20 minuti fino a doratura della superficie


Avete mai preparato le brioches in casa?
Un bacione ^^

Verdura di stagione: la zucca

Ricette leggere, sformato di zucca vegetariano

In questo post voglio parlarvi di me e del mio amore per la stagione invernale. Avendo appena firmato il contratto per la nuova casa non vedo l'ora di lasciarmi coccolare dal freddo. Negli ultimi anni ho amato alla follia il tepore delle stanze e la polenta. La stagione autunnale invoglia a mangiare pietanze calde. Cucinare è più piacevole, ma la routine frenetica non lascia molto tempo per dedicarsi a portate elaborate. Inoltre, il timore di appesantirci tiene lontani dall'assaporare manicaretti sostanziosi. Ragioni condivisibili che però non devono farci rinunciare al gusto. Ci sono tante ricette leggere e buone da sperimentare e anche veloci da realizzare tra i consigli di Activia.

In primo piano le verdure di stagione. In questo periodo troviamo fra gli ortaggi la zucca. Un ortaggio dal gusto delicato che possiamo utilizzare per preparare qualsiasi piatto, dall’antipasto al dolce. Le sue proprietà sono interessanti, è ricca di minerali e fibre. Contiene vitamine del gruppo B, vitamina A e C. Favorisce la digestione e ha un effetto diuretico. Il suo colore aranciato è dovuto al betacarotene, utilizzato dal nostro organismo per formare la vitamina A. Inoltre, può essere consumata dai diabetici perché ha un indice glicemico basso.


La zucca è quindi una verdura ottima per ricette leggere. Per deliziare il palato proviamo a preparare un secondo piatto, lo sformato di zucca vegetariano grazie all'aiuto del mio ragazzo.

Ingredienti per 4 persone:
800 grammi di zucca
1 uovo
1 scalogno o 1 cipolla
Pangrattato
Parmigiano
1 rametto di rosmarino
Sale
Pepe
Olio extra vergine di oliva

Procedimento:
Tagliare e pulire la zucca. Se acquistiamo la zucca intera, tagliamola a metà, eliminiamo la corteccia, i semi e la parte bianca. Possiamo cuocere la zucca in differenti modi. Al forno anche microonde, a vapore o in padella. In questo caso, per velocizzare i tempi, preferiamo la padella. Tagliamo la zucca a dadini. Nel frattempo sminuzziamo la metà di uno scalogno e mettiamolo a cuocere con olio extra vergine di oliva in un tegame per circa dieci minuti. Aggiungiamo la zucca e il rametto di rosmarino per aromatizzare, continuando la cottura per venti minuti. Saliamo e pepiamo. Facciamo raffreddare, togliamo il rosmarino. In una ciotola sbattiamo un uovo con il parmigiano, quindi versiamo la zucca cotta e amalgamiamo il tutto. Prendiamo uno stampo, ungiamo con olio e cospargiamo con pangrattato. Versiamo nello stampo il nostro composto di zucca e lasciamo cuocere in forno per 30 minuti a 180°.

Anche a voi piace la zucca? La cucinate spesso?
Un bacione!

17 nov 2015

Nuovi arrivi: Natura Nuova

Buongiorno ragazzi, come state? Oggi mi è arrivato un ricco pacco da parte dell'azienda Natura Nuova. Sono felicissima perchè ho ricevuto una fornitura di 6xseitan fresco, 6xtofu al naturale, 6xbistecche di soia e 12 pacchi di wurstel vegetali. Sono tutti prodotti che utilizzo nella mia cucina dato che come ben sapete non mangio carne:


Natura Nuova nasce nel 1994 a Bagnacavallo, in provincia di Ravenna, da un'idea di Gabriele Longanesi. La mission è quella di rendere la frutta e le proteine vegetali accessibili a tutti. E' così che in poco tempo Natura Nuova diventa leader per la fornitura di polpe di frutta biologica nel comparto catering. Il marchio ha anche sviluppato una linea di alimenti biologici in grado di arricchire la propria dieta in maniera genuina e pratica.

Qui potete trovare tutti i loro prodotti: http://www.natura-nuova.com/

In questo post ho deciso di utilizzare uno dei loro prodotti ovvero il Tofu al Naturale:


Il tofu si ottiene facendo cagliare la soia e pressandola. E' possibile ottenere tofu più o meno morbido in base alla compattezza che si decide di dargli. Questo prodotto si presta a diversi utilizzi: perfetto per creare creme, oppure come ripieno di torte salate o come base per delle golose polpette.

Ingredienti:
Acqua
Soia* 29%
 *da agricoltura biologica

Quantità: 2 panetti
Peso totale: 360 gr

Io oggi ho optato per delle polpette di tofu e spinaci:


Ingredienti per 1 persona:
- 125 gr di tofu al naturale
- 100 gr di spinaci surgelati o freschi in base alla disponibilità
- 2 cucchiai e mezzo di pangrattato
- 2 cucchiai di olio evo
- prezzemolo fresco
- sale fino

Procedimento:
1) Lessare gli spinaci per 15-20 minuti
2) Strizzarli BENISSIMO e farli scolare su un foglio di carta assorbente
3) Metterli nel mixer insieme al tofu spezzettato, al prezzemolo e al sale
4) Frullare sino ad avere un impasto denso
5) Trasferire l'impasto in un piatto, aggiungere pangrattato e creare delle polpette
6) Farle riposare in frigo per 30 minuti
7) Cuocerle in una padella antiaderente con l'olio oppure in forno a 180° per 20 minuti
Se non avete il tofu potete sostituirlo con un paio di patate lessate e frullate. E' importante che l'impasto sia denso ma che vi permetta di creare delle polpette facilmente!

Avete mai preparato delle polpette con il tofu?

13 nov 2015

Spinacine vegan fatte in casa

Ciao ragazzi, come state? Ultimamente ci sono stati molti cambiamenti nella mia vita. Il primo e più importante riguarda la casa: io e il mio ragazzo ci trasferiamo. In questi giorni siamo alle prese con il trasloco e non vedo l'ora di essere nella nuova casa per poter scattare qualche foto e fare delle nuove ricette. A noi piace un sacco perchè è molto luminosa e ristrutturata. Nel frattempo voglio mostrarvi una delle ultime ricette: le spinacine vegan fatte in casa


Ingredienti per 4 spinacine:
- 250 gr di ceci in scatola
- 400 gr di spinaci surgelati (io non ho trovato quelli freschi purtroppo!)
- 3 cucchiai di pangrattato + altro per la panatura
- 3 cucchiai ben colmi di farina di ceci (io ho usato quella integrale ma va bene anche la farina di ceci classica)
- 70 ml di acqua a temperatura ambiente
- pepe nero qb
- semi vari qb

Procedimento:
1) Lessare gli spinaci in un goccio di acqua per 15 minuti
2) Scolarli BENISSIMO e versarli nel mixer
3) Aggiungere i ceci scolati con cura, il sale, un goccio di acqua se necessario e frullare per qualche minuto fino ad avere un impasto denso
4) Trasferire in una ciotola capiente, aggiungere il pangrattato ed impastare
5) Creare delle cotolette e appiattirle leggermente con il palmo delle mani
6) Versare in un piatto fondo la farina di ceci, l'acqua e mescolare sino ad eliminare tutti i grumi. La consistenza della pastella deve essere simile a quella con le uova
7) Immergere velocemente le cotolette nella pastella ed impanarle nel pangrattato
8) Far riposare in frigo per 20-30 minuti
9) Cuocere le spinacine in una padella antiaderente con un goccio di olio fino a doratura di entrambi i lati
10) Impiattare con una spolverata di pepe nero, spinaci e semi vari

Ho usato la ricetta di •••Sano & Vegano•••

Avete mai provato a farle in casa?
Un bacione^^

Formaggio grattugiato? Tutta per voi una ricetta per consumarlo al meglio

Ciao ragazzi, come state? Ultimamente ho notato che il mio pubblico si è ampliato e questo blog non viene seguito solamente da vegani. Chi mi segue da tempo sa che per me è importante dedicare qualche post anche a ricette vegetariane perchè è fondamentale fare un passo alla volta. Molte persone sono spaventate dall'idea di escludere tutti i derivati animali. Facciamo un passo alla volta ma sappiate che vivere senza carne è possibile. 
Un buon modo per farlo (se non siete ancora "pronti" a cambiare radicalmente la vostra alimentazione) è quello di mostrarvi una nuova ricetta molto semplice e sfiziosa ma allo stesso tempo utile a smaltire un ingrediente che magari avete in più a casa: il formaggio grattugiato. 
Sia che si tratti di formaggi mixati o di un solo tipo di formaggio (ad esempio Grana Padano o Parmigiano Reggiano, meglio se di montagna), potete utilizzarlo per creare dei bellissimi e buonissimi cestini di formaggio, una sorta di cialdine croccanti. Molto scenografici se volete servire del riso al loro interno, si possono utilizzare anche da soli, al posto del pane, o per accompagnare pietanze a base di verdure, o ancora come delizioso finger food. Ecco come prepararli.

Un unico ingrediente e facilità di esecuzione
L'ingrediente è unico, ed è costituito da circa 150-160 grammi di formaggio grattugiato (quantità che servirà per due o tre persone). 
Il procedimento è anch'esso molto semplice. Prima di tutto vi occorrerà della carta da forno da tagliare in grossi quadrati spessi quante saranno le porzioni, poi su ogni quadrato di carta ponete un cucchiaio colmo di formaggio grattugiato. Infornate a circa 180° in un forno tradizionale per pochi minuti, fino a quando, cioè, non vi accorgerete che il formaggio è diventato croccante e dorato ai bordi. Appena sfornate fate in fretta per sistemare il formaggio ancora caldo e malleabile, con insieme la carta da forno, in alcune ciotoline, per dargli la forma di cestino. Fate raffreddare e poi estraete dalla ciotola e dalla carta da forno: e voilà, il cestino è pronto.

Come consumarli al meglio
I nostri cestini di formaggio grattugiato possono essere consumati in mille modi. Abbiamo già parlato del loro impiego come contenitori per un risotto o come sostituto del pane, ma molto goloso è anche mangiarli con all'interno dell'insalata (magari di rucola e pomodorini), o con delle creme preparate con tonno ed erbette. I cestini di formaggio si prestano, inoltre, ad accompagnare vellutare e zuppe di verdure, di cui ne esaltano sapore ed aromi, soprattutto se utilizzati al posto dei crostini di pane. 
Per sapere quale formaggio grattugiato utilizzare per creare fantastici cestini o per tante altre ricette, vai su: http://www.ferrariformaggi.it/grattugiati-grana-padano-e-parmigiano-reggiano/parmigiano-reggiano-prodotto-di-montagna-grattugiato.html