23 feb 2015

Ricordi di infanzia

Buonasera ragazzi, come state? Questo weekend ha piovuto tantissimo e la voglia di uscire è stata pari a zero. Ultimamente adoro sempre di più dedicarmi al blog perchè ho più tempo e perchè mi dà sempre tantissime soddisfazioni. Un esempio è l'essere stata contattata dall'azienda AD Chini per una favolosa collaborazione.

In questo post voglio mostrarvi uno dei prodotti che mi sono stati inviati. Devo però fare una premessa riguardo al titolo del post. Quanti di noi da piccoli (ma anche da grandi, ammettiamolo) hanno mangiato le caramelle gelée? Io le adoravo, soprattutto quelle alla fragola. Mi è sempre piaciuta la croccantezza esterna e la morbidezza interna.

Nell'ultimo periodo ho deciso di non consumarle più. Molte caramelle avevano tra gli ingredienti gelatina animale. Chi mi segue da tempo sa già il motivo di questa scelta. Finalmente sono riuscita a trovare gelée prive di derivati animali.



Gellose sono morbide caramelle gelée a cubetti realizzate con succhi a base di frutta e prodotte da Chini, azienda specializzata nella trasformazione delle mele e concessionaria del marchio Melinda.
Queste caramelle si distinguono dalle altre in commercio perchè prive di gelificanti animali e artificiali. Sono inoltre velate da un sottile strato di zucchero: l'esterno risulta croccante mentre l'interno morbido. 100 gr di Gellose forniscono 274 Kcal.


Queste caramelle sono disponibili in diversi gusti:
- agrumi
- frutti di bosco
- albicocca
- ciliegia
- fragola
- mela e mirtillo


Ingredienti:
Zucchero, Succo concentrato di agrumi reidratato (26% di cui arancia 58%, pompelmo 16%, mandarino 13%, limone 13%), Succo di mela concentrato, Gelatinizzante: pectina standardizzata
Correttori di acidità: acido citrico e acido tartarico, aroma

Chini ha deciso di confezionare le Gellose in un pratico vasetto trasparente richiudibile e riciclabile al 100%. E' perfetto per essere portato a scuola o in ufficio.

Una volta consumate tutte le gelée potrete utilizzare il contenitore come porta oggetti o porta spezie.


Con queste caramelle ho deciso di preparare un goloso plumcake con gocce di cioccolato. Ho sempre amato agrumi e cioccolato *-*


Ingredienti per uno stampo da 29 cm * 13 cm:
- 250 gr di farina (di farro)
- 140 gr di zucchero (integrale o bianco)
- 120 ml di olio di semi di mais
- 250 ml di acqua a temperatura ambiente
- gocce di cioccolato fondente
- 8 gr di lievito per dolci
- gelée agli agrumi qb

Procedimento:
1) In una ciotola mettere gli ingredienti secchi ovvero farina, zucchero, lievito, cannella e mescolare
2) Unire l'olio ed amalgamarlo al composto
3) Aggiungere lentamente l'acqua e mescolare con cura -->L'impasto deve risultare LIQUIDO, quindi se dovesse essere denso mettere più acqua! <--
4) Aggiungere le gocce di cioccolato e mescolare di nuovo eliminando tutti i possibili grumi
5) Versare in uno stampo da plumcake
6) Infornare a 180° per 45-50 minuti
7) Sciogliere il cioccolato fondente e versarlo sul plumcake


La fetta non è perfetta, lo so. Giuro che ci ho provato a tagliarla bene ma non ci sono riuscita. La voglia di mangiarlo era troppa! Io e il mio ragazzo ne abbiamo già mangiato metà! E' troppo buono e cioccolatoso come piace a me.

Vi lascio il link dell'azienda:
pagina Facebook: facebook.com/ADChini


Perchè mangiar sano è un diritto, oltre che un piacere.

Un bacione ^-^

Cuori integrali con ripieno di cavolo romano

Ciao ragazzi, ultimamente ho ricevuto tantissimi prodotti per il blog. Non vedo l'ora di mettermi all'opera e di utilizzarli. Ho già un sacco di idee in testa. Chi mi segue sulla pagina Facebook, sa che ieri ho comprato il cavolo romano. Ho chiesto in un post qualche consiglio su come utilizzarlo ed eccomi qui. 

Da sempre, uno dei miei piatti preferiti è la pasta in casa. Non la preparo spesso ma, quando sono in vena, adoro farla ripiena


Ingredienti per 2 persone:
- 200 gr di farina integrale (io molino Ronci)
- 90 ml di acqua
- 2 cucchiai di olio evo
- sale fino qb

Ingredienti ripieno:
- 500 gr di cavolo romano
- 200 ml di panna vegetale
- 2 cucchiai di pangrattato
- lievito in scaglie (facoltativo)
- pepe nero qb
- sale fino qb

Ingredienti condimento:
- prezzemolo fresco
- radicchio 
- olio evo di buona qualità

Procedimento ripieno:
1) Pulire il cavolo, tagliarlo e lessarlo in abbondante acqua salata per 15-20 minuti fino a quando risulterà morbido
2) Oliare leggermente una teglia, versare il cavolo, il sale ed amalgamare il tutto aiutandosi con le mani
3) Versare la panna e mescolare con cura
4) Spolverare con pangrattato ed Infornare a 180° per 20 minuti
5) Far raffreddare completamente e riporre in frigo per 40 minuti

Procedimento pasta:
1) Versare la farina in una ciotola e fare un buco al centro
2) Aggiungere l'acqua e mescolare
3) Unire l'olio, il sale ed iniziare ad impastare (aggiungere più farina se necessario) fino a ottenere una pasta compatta
4) Infarinare il tagliere, il mattarello e stendere con cura la pasta. Non dovrà risultare troppo sottile!
5) Ricavare dei cuori utilizzando uno stampo
6)Togliere il ripieno dal frigo e frullarlo per qualche secondo
7) Aggiungere sale, pepe, lievito in scaglie secondo i vostri gusti e mescolare
8) Versare la punta di un cucchiaino su ogni cuore, adagiare sopra un altro cuore e chiudere la pasta aiutandosi con i polpastrelli
9) Cuocere i cuori in abbondante acqua salate per 5-7 minuti. Controllare la cottura!
10) Condire con un trito di prezzemolo fresco, radicchio, pepe e un filo di olio

N.B. Se vi dovesse avanzare il ripieno, non buttatelo ma spalmatelo su crostini di pane passato sulla piastra per un paio di minuti. Divino!


In questa ricetta ho utilizzato il cavolo romano. Finalmente sono riuscita a trovarlo al supermercato sotto casa. Il suo sapore è simile a quello del cavolfiore ma leggermente più delicato. A noi è piaciuto davvero tantissimo!


Oltre al cavolo, ho utilizzato anche la farina integrale. Sinceramente non l'avevo mai usata prima e quindi temevo che non fosse adatta per la pasta ripiena. Mi ha piacevolmente sorpresa e penso proprio che la utilizzerò spesso. Il gusto non è forte come si potrebbe pensare.


Le farine Molino Ronci sono prodotte seguendo il metodo di una volta. I grani vengono infatti macinati utilizzando due pietre. Il grano vi passa attraverso e viene schiacciato. Tramite questo metodo, la lavorazione del cereale avviene più lentamente  e cosa molto importante è che le farine nella lavorazione non si surriscaldano. Il germe resta intatto e le qualità organolettiche vengono conservate. Le loro farine sono meno raffinate; hanno un elevato contenuto di fibra per una maggiore quantità di parti cruscali; hanno un notevole contenuto di sali minerali, dovute dalla presenza di parti cruscali e alla presenza del germe che rimane intatto durante la fase di macinazione del chicco.

Tra le diverse farine troviamo:
- farine di grano biologiche: tipo 0, 1 e integrale
- farine di farro: integrale, monococco e monococco integrale
- farine di mais


In questa ricetta ho utilizzato la farina integrale macinata a pietra con grani teneri italiani di derivazione biologica e convenzionale. Questo tipo di farina appare più scura perchè contiene più crusca. Essa si può utilizzare per pane, piadina e pizza. 


Vi lascio i link dell'azienda:

Avete mai utilizzato la farina integrale?

Un bacione :)

11 feb 2015

Piadina di ceci con cipolle e insalata colorata

Buongiorno amici, come state? In questi giorni sono impegnata tra blog, ebook e pagina Facebook. Cerco sempre di ritagliarmi del tempo per dilettarmi in cucina. Penso che sia fondamentale preparare piatti gustosi senza dover impegnare ore nella preparazione.

Come sapete, da circa un anno ho deciso di eliminare completamente carne e pesce dalla mia alimentazione. Inutile dire che mi sento meglio. Non sono più appesantita, dormo meglio di notte e la mia pelle è più liscia. Da qualche mese a questa parte ho deciso di eliminare anche i derivati animali. Probabilmente vi chiederete che cosa io mangi. Bene, questo blog e la mia pagina Facebook Fiori di cannella sono la chiara dimostrazione che è possibile mangiare piatti gustosissimi anche senza derivati animali. A tal motivo a Settembre ho pubblicato un ebook con ben 56 ricette vegane, che ha avuto un grande successo! Spero di poter pubblicare su carta a breve.

Bando alle ciance, vediamo insieme la ricetta di oggi: piadina di ceci con cipolle, noce moscata, insalata colorata e semi di chia


Ingredienti per 2 persone:
- 120 gr di farina di ceci
- 200 ml di acqua
- 2 cipolle bianche
- 2 cucchiai di olio evo
- insalata a piacere
- pomodori a piacere
- semi di chia qb
- semi di sesamo qb
- noce moscata qb
- sale fino qb

Procedimento:
1) Versare in una ciotola la farina di ceci, l'acqua e mescolare fino ad eliminare tutti i grumi
2) Far riposare 30 minuti in frigo
3) Nel frattempo tagliare la cipolla a fettine sottili e farla cuocere a fuoco molto basso in una padella antiaderente aggiungendo un filo di olio e un goccio di acqua
4) Trasferire la cipolla nella ciotola contenente la pastella di ceci, aggiungere il sale, la noce moscata e mescolare
5) Versare i due cucchiai di olio nella padella in cui abbiamo fatto cuocere la cipolla, aggiungere la pastella e far cuocere fino a doratura di entrambi i lati
6) Condire la piadina con insalata, pomodori e semi a volontà

Avete mai utilizzato la farina di ceci in cucina?

9 feb 2015

Cioccolato fatto in casa

Buongiorno amici, ieri pomeriggio io e il mio ragazzo abbiamo fatto una passeggiata in centro. Dopo qualche giorno passato in casa avevo proprio bisogno di svagarmi un attimo. Ho quindi deciso di fare shopping. La maggior parte delle donne compra borse, scarpe, vestiti. Io invece compro accessori per la cucina. Ormai è diventata una vera e propria passione. Ho acquistato uno stampo in silicone e una tovaglietta. Lo scopo era quello di preparare i cioccolatini in casa *-* Vi lascio la ricetta:


Ingredienti per 10 cioccolatini:
- 60 gr di burro di cacao
- 4 cucchiai di cacao amaro in polvere
- 2 cucchiai di sciroppo di agave
- 1 cucchiaino di zucchero a velo

Ingredienti decorazione:
- peperoncino in polvere qb
- zenzero in polvere qb
- cocco grattugiato qb
- aroma di vaniglia qb
- aroma di fiori di arancio qb
- mirtilli neri essiccati qb
- lamponi essiccati qb

Procedimento:
1) Versare in un pentolino il burro di cacao, il cacao in polvere, lo sciroppo di agave e mescolare
2) Cuocere a bagnomaria ricordandosi di mettere a fuoco basso
3) Mescolare con cura fino a quando il burro è completamente sciolto
4) Aggiungere lo zucchero a velo e mescolare nuovamente
5) Versare negli stampi per cioccolato
6) In ogni stampo aggiungere una spezie diversa ed un aroma diverso in modo da avere cioccolatini con gusti diversi
7) Far riposare in freezer per 45 minuti (Giù le mani! Lo so che li stai assaggiando prima del tempo!!)
8) Conservare in frigo


In questa ricetta ho utilizzato il burro di cacao ricevuto qualche settimana fa dall'azienda Iswari:


Il Burro di Cacao Cocoa viene estratto dai chicchi di cacao integrali. E' un grasso buono e contiene antiossidanti naturali. Il Burro di Cacao Iswari si forma pressando i chicchi di cacao a basse temperature separando gli oli che solidificandosi diventano il Burro di Cacao. Il resto invece viene macinato nella Polvere di Cacao.


Si può utilizzare sia in cucina come ho fatto io che nella cosmetica. E' infatti un favoloso idratante per la pelle!

Ecco i link dell'azienda:
sito ufficiale: https://it.iswari.net

Vi lascio un cioccolatino??
Un bacione ^-^

6 feb 2015

Cheesefake ai frutti di bosco, kiwi e cocco

No, non ho sbagliato a scrivere il titolo del post. Questa ricetta dovrebbe essere quella di una cheesecake MA qui il formaggio non c'è. Da un po' di tempo ho deciso di eliminare i formaggi dalla mia dieta e quindi mi sono lanciata nella preparazione di questa ricetta.


Ingredienti per una base di 12 cm:
- 90 grammi di biscotti secchi
- 40 gr di margarina vegetale
Ingredienti per la crema:
- 250 gr di yogurt di soia ai mirtilli fatto precedentemente scolare per una notte
- 200 gr di tofu morbido
- 8 biscotti secchi
- 2 cucchiai di sciroppo di agave Iswari
- 5 cucchiaini di cocco rapè

Ingredienti per la decorazione:
- 2 kiwi maturi
- cocco rapè a piacere

Procedimento:
1) Sciogliere a bagnomaria la margarina
2) Nel frattempo tritare i biscotti per la base in un mixer
3) Trasferirli in una terrina, aggiungere margarina e mescolare accuratamente
4) Versare la base nello stampo e livellare la superficie aiutandosi con un coltello
5) Far riposare la base in frigo per 30 minuti
6) Preparare la crema: versare nel mixer lo yogurt, il tofu, l'agave, i biscotti, il cocco e frullare sino ad ottenere una crema densa
7) Aggiustare di zucchero ed aggiungere altri biscotti se necessario
8) Togliere lo stampo dal frigo, versare la crema e livellare la superficie
9) Cuocere in forno statico a 180° per 20 minuti e a 160° per 10 minuti. Mi raccomando: controllate voi la cottura perchè ogni forno è diverso!
10) Far riposare a forno spento ed aperto
11) Togliere dallo stampo solo quando la cheesecake si è raffreddata completamente
12) Tagliare le fette di kiwi, posizionarle sulla superficie, aggiungere il cocco e gustare

Come sapete adoro fare fotografie e quindi vi lascio alcuni scatti :)



In questa ricetta ho utilizzato un prodotto dell'azienda Iswari, un Team che crede nel rispettare e onorare i doni di madre natura.


Nel 2008 il fondatore Gonçalo, dopo un intenso periodo di Detox, ha deciso di voler condividere la sua esperienza e di permettere ad altre persone di sperimentare il cambiamento.  A Lisbona Gonçalo ha lanciato una serie di workshop circa i Super Foods con un successo inaspettato.

Il referente italiano è invece Anna Paola, praticante di Ashtanga Yoga e appassionata di alimentazione Vegana e Crudista. Anna Paola ha conosciuto Iswari da “ cliente fedelissima” vivendo in Portogallo, questo incontro ha cambiato la sua concezione di alimentazione e incoraggiato un cambio nella sua vita professionale.


Vediamo insieme le caratteristiche dello sciroppo di agave:
- è un dolcificante naturale derivato dal cactus Agave che subisce un piccolo riscaldamento e filtraggio per produrre lo sciroppo.
- ha un basso indice glicemico
- viene utilizzato come sostituto dello zucchero e del miele
- contiene inulina (fruttosio), che è un pre-biotico (aiuta a migliorare la digestione, aumentando microflora intestinale)


L'agave è il 40% più dolce dello zucchero granulato ma deve essere consumato in quantità relativamente piccole. Si consigliano infatti 25 g al giorno.

Piccolo suggerimento:
Taglia una mela, aggiungi la cannella e gustala con un cucchiaino di sciroppo di agave.

Vi lascio i link dell'azienda:
sito ufficiale: https://it.iswari.net


Credere nei propri sogni è l’inizio della loro realizzazione

Avete mai provato questo prodotto? Che ne pensate?
Un bacione